ASSEGNO DI MATERNITA'

E’ una misura di sostegno concessa dai Comuni ed erogata dall'INPS.  L'assegno non si può cumulare con l’assegno di maternità statale. Può essere richiesto dalle cittadine italiane, dalle cittadine comunitarie e dalle cittadine extracomunitarie in possesso della carta di soggiorno purché residenti in Italia.

Per avere diritto all’assegno occorre che il nucleo familiare abbia un ISEE (indicatore situazione economica equivalente) che non superi determinati valori: tale valore viene rivalutato ogni anno dall’ISTAT, nell’anno 2018 è di € 17.141,45.

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro 6 mesi  dalla nascita del bambino o dall'effettivo ingresso del minore in famiglia nel caso di adozione o affidamento.

Il modulo di domanda da compilare è  in distribuzione presso l’Uff. Servizi Sociali negli orari di apertura, oppure può essere scaricato dalla sezione "Modulistica".

Alla domanda dovranno essere allegati:

  • copia dell’attestato ISEE;
  • copia di un documento di identità della richiedente in corso di validità;
  • per i cittadini extracomunitari copia permesso CE per soggiornanti di lungo periodo (carta di soggiorno rilasciata prima del D.lgs 3/07, carta di soggiorno di familiare di cittadino dell'UE, carta di soggiorno permanente per i familiari di cittadino UE), o attestazione di rifugiato politico o avente protezione sussidiaria.

Il Comune accerta l’esistenza dei requisiti ed emette il provvedimento di concessione, dandone comunicazione all’INPS, ENTE incaricato dell’erogazione del contributo.

Quanto spetta: l’importo dell’assegno mensile di maternità concesso dai Comuni, spettante per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018 è pari a Euro 342,62 per cinque mensilità, quindi Euro 1.713,10 complessivi.

MODULO DOMANDA : scaricabile dalla sezione "Modulistica"

 

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE NUMEROSO

E’ una misura di sostegno economico per i nuclei familiari numerosi concesso dai Comuni ed erogata dall'INPS. E’ un beneficio concesso ai cittadini italiani,  comunitari o extracomunitari in possesso della carta di soggiorno purché residenti in Italia, che hanno tre o più figli minorenni.

I figli possono essere figli propri, del coniuge o in affidamento preadottivo.

Può presentare domanda il genitore (madre o padre) esercente la patria potestà.

Per avere diritto all’assegno occorre che il nucleo familiare abbia un ISEE (indicatore situazione economica equivalente) che non superi un certo valore, tale valore viene rivalutato ogni anno dall’ISTAT, nell’anno 2018 è di € 8.650,11. 

La domanda deve essere presentata annualmente entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale si richiede l'assegno (ad esempio, per ottenere gli assegni relativi all’anno 2018, si deve presentare la domanda entro il giorno 31/01/2019) e comunque prima che venga a mancare il requisito della presenza dei tre minori nel nucleo anagrafico.

Per la domanda deve essere compilato l’apposito modulo in distribuzione presso l’Uff. Servizi Sociali o scaricabile dalla sezione "Modulistica"; la stessa va poi consegnata in Comune presso l’ Uff. Protocollo. Alla domanda devono essere allegati:

  • copia dell’ attestato ISEE;
  • copia di un documento di identità della richiedente in corso di validità;
  • per i cittadini extracomunitari copia permesso CE per soggiornanti di lungo periodo (carta di soggiorno rilasciata prima del D.lgs 3/07, carta di soggiorno di familiare di cittadino dell'UE, carta di soggiorno permanente per i familiari di cittadino UE), o attestazione di rifugiato politico o avente protezione sussidiaria.

Il Comune accerta l’esistenza dei requisiti ed emette il provvedimento di concessione dandone comunicazione all’INPS.

Il contributo viene erogato dall’INPS  con cadenza semestrale.

Per l’anno 2018 l’importo massimo erogabile è di 1.857,05 euro (pari a 142,85 euro mensili per 13 mesi).

Il contributo viene erogato per i mesi dell’anno in cui sono stati effettivamente presenti nel nucleo familiare almeno tre figli con età inferiore ai 18 anni.

MODULO DOMANDA  scaricabile nella sezione "Modulistica".

 

RIMBORSO PARZIALE SPESA PER FARMACI PERSONE DISAGIATE

Il Comune di Calci interviene nei confronti dei cittadini più bisognosi  con un rimborso parziale della spesa sostenuta per l'acquisto di farmaci di Fascia C  (la fascia “A” comprende sia farmaci cosiddetti "essenziali", gratuiti per il cittadino e totalmente a carico dello Stato, che quelli "generici";  la fascia “C”  comprende  invece  i  farmaci a pagamento e totalmente a carico del cittadino).

Per poter presentare domanda di rimborso per le spese di cui sopra relative all’anno 2018 occorre:

  1. essere residente nel Comune di Calci al momento dell’acquisto del farmaco e della presentazione della domanda;
  2. essere in possesso della prescrizione medica del farmaco;
  3. essere in possesso della dichiarazione del Medico di Medicina Generale di insostituibilità del farmaco di fascia "C" con altri di fascia "A" (cosiddetti essenziali, gratuiti per il cittadino);
  4. essere in possesso dell'attestato ISEE con valore inferiore o uguale a  €  6.524,07.

La richiesta di rimborso deve essere presentata compilando apposito modulo di domanda predisposto ritirabile presso l’Uff. Servizi Sociali in orario di apertura al pubblico o scaricabile dalla sezione "Modulistica".

Il rimborso viene concesso a consuntivo della spesa già sostenuta per l'acquisto di farmaci di fascia C nei confronti di coloro che siano in possesso dei requisiti di accesso di cui sopra e  con le seguenti limitazioni:

  • la somma rimborsabile annualmente per la spesa dei farmaci non può superare un massimo di € 170,00 pro-capite;
  • nell'ambito dello stesso nucleo familiare può essere rimborsata annualmente una somma massima di € 310,00.
  • I contributi saranno erogati fino ad esaurimento del budget disponibile.

INFORMATIVA e MODULO DOMANDA con dichiarazione medico  scaricabile nella sezione "Modulistica".

 

BANCO ALIMENTARE GESTITO DALLA CARITAS PARROCCHIALE

E' un progetto attivato dalla Caritas Parrocchiale che raccoglie merci alimentari  che  successivamente vengono  distribuzione alle famiglie bisognose.

Chi ne ha diritto:
Hanno diritto a tale prestazione le persone bisognose residenti nel Comune di Calci previa documentazione rilasciata dall’Assistente Sociale e/o dall’Uff. Servizi Sociali del Comune.

A chi rivolgersi:

Giovanna Mazzini cell. 349.6334313,
presso l’oratorio parrocchiale, in Via dei Nocetti n. 4,  il MARTEDI’  e il VENERDI’ dalle ore 11.30 alle 12.30

 

ATTIVITA'  EDUCATIVE DI SOSTEGNO PER BIMBINI/RAGAZZI -  CIAF

Il Comune di Calci al fine fornire un servizio a supporto delle famiglie, ogni anno tramite bando di concorso individua un soggetto che svolga servizio di attività educative non formali, per bambini/ragazzi in età di scuola primaria e secondaria di primo grado, da svolgersi in forma privata nei locali già adibiti a CIAF (Centro Infanzia Adolescenza e Famiglia), siti in Via della Propositura n. 3 (locali sopra la scuola dell’infanzia), di proprietà comunale.

Quest’anno il progetto scelto è quello presentato dall'associazione "UISP Solidarietà Pisa" (in partenariato con l'Associazione "Bambini e Bambine in Movimento" di Pisa e l'ASD "Esperti in Scienze Motorie).

Il progetto si svolgerà durante l’intero anno scolastico 2018/2019 e prevede la possibilità di servizi integrativi nei periodi festivi.

Il progetto è articolato in diversi servizi, sinteticamente indicati di seguito:

1) l'attività principale del progetto è rivolta ai/alle bambini/e frequentanti la scuola primaria V, Veneto di Calci, che si spostano, attraverso il pedibus, nei locali extrascolastici; nell'ambito del progetto sono previsti il servizio mensa, attività educative/aiuto compiti, ludoteca con percorsi tematici (artistici, motori, cinematografici e ludici) – in orario 13.00-18.00;

2) un servizio aggiuntivo di aiuto nello studio rivolto ai/alle ragazzi/e della scuola secondaria di primo grado – due pomeriggi alla settimana;

3) servizi di supporto alla genitorialità rivolti alle famiglie.

Costi:  servizio mensa € 6 a pasto; aiuto compiti e attività ludica € 50 mensili.

Per informazione ed iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , tel 331 6180646

 

REDDITO DI INCLUSIONE - REI    

Il Reddito di Inclusione (REI)  è una misura di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale introdotta dal decreto legislativo n. 147/2017, con decorrenza dal 1° gennaio 2018.

Tale misura prevede un beneficio economico erogato attraverso l’attribuzione di una carta prepagata emessa da Poste Italiane SpA ed è subordinata alla valutazione della situazione economica e all’adesione a un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa.

Il beneficio economico sarà erogato per un massimo di 18 mesi, dai quali saranno sottratte le eventuali mensilità di SIA percepite.

Il nucleo richiedente dovrà soddisfare specifici requisiti specificati  nella circolare INPS allegata al modulo di domanda reperibile nell’aria “Modulistica”.

I residenti nel Comune di Calci, in possesso dei requisiti richiesti, possono presentare domanda sull’apposito modulo e presentarlo presso l’Uff. Protocollo del Comune; per informazioni rivolgersi all’Uff. Servizi Sociali.

Al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, il richiedente deve essere in possesso di attestazione  ISEE in corso di validità.

INFORMATIVA e MODULO DOMANDA : scaricabile nella sezione “Modulistica”.